Al via la nuova stagione dei Gruppi di lettura

Postato il Aggiornato il

CLocandina dell'incontroi incontreremo, martedì 14 ottobre, alle 20.30, in biblioteca, per parlare della nuova stagione dei Gruppi di lettura: per ora teniamo nascosti i percorsi che vi proporremo e le letture tra cui potrete scegliere. Vi aspettiamo numerosi e … un po’ di più: invitate amici, conoscenti interessati alla lettura o anche solo curiosi. Un gruppo è bello se i suoi confini sono permeabili e aperti a nuovi arrivati.

Nell’attesa, ecco un promemoria sul funzionamento e la natura dei Gruppi di lettura, ripreso  dal documento in progress  Per un Manifesto dei GdL elaborato durante la giornata di discussione sui Gruppi di lettura dello scorso ottobre 2012 a Cologno Monzese (e a cui vi rimando):

1. Un gruppo di lettura (GdL) è formato da persone che leggono un libro (o più di uno) insieme. In realtà, ognuno legge il proprio libro in privato, per conto suo, e poi ne condivide le impressioni e le emozioni con gli altri componenti del gruppo . Quando si parla di GdL , si parla di lettura condivisa e non di lettura di gruppo. (Gli incontri sono a cadenza mensile, qui a Cavallino-Treporti e, finora, sono attivi un GdL di romanzi e narrativa e uno di filosofia).

2. Ogni GdL è unico: i nostri gruppi assomigliano agli altri (e cercano il confronto con loro) ma, allo stesso tempo, sono diversi da tutti gli altri, perché ogni GdL riflette il colore e il carattere dei suoi componenti.

3. I GdL hanno confini permeabili: si può entrare e uscire per poi, magari, rientrare. Non sono gruppi chiusi, ma gruppi aperti che rispettano anche i ritmi della vita di ciascuno.

4. I GdL hanno bisogno di un proprio spazio, che li accolga e che sia di riferimento, proprio come la nostra biblioteca.

5. Rispetto e accoglienza sono due parole magiche, che non vanno mai dimenticate in un GdL: lo stile varia da gruppo a gruppo, ma il rispetto e l’accoglienza nei confronti degli altri non deve mai venir meno.

6. L’importanza del moderatore: non è un esperto di tutte le materie, un critico, un professore … è un moderatore, appunto, che cerca di dare il ritmo alla discussione,  offrire spunti idee  …. evitare che la discussione travolga il GdL … e scusatelo se a volte arranca :-).

7. Un GdL è libero, indipendente, ma ama confrontarsi con altri GdL e fare riferimento ad un coordinamento “sovraordinato”.

8. La rete è importante? In internet troviamo un sacco di suggestioni ed informazioni e attraverso i social network possiamo scambiarci commenti e ricordarci gli appuntamenti. A noi piace incontrarci di persona, ma la rete ci aiuta a tenerci in contatto tra un incontro e l’altro.

9. L’importanza della biblioteca! La biblioteca sostiene i GdL, offrendo il proprio spazio, proponendo letture,  procurando i libri in più copie. Aggiungo che i bibliotecari che partecipano ai GdL si confrontano tra loro, si danno una mano, si sostengono nei momenti di crisi …

10. Incontrarsi con gli altri per far festa! È bello l’incontro mensile del GdL, ma è bello anche riuscire a partecipare agli incontri con gli altri GdL, per fare il punto e per andare avanti!

E non dimenticate che martedì Fabio Michieli e Davide Ubizzo ci anticiperanno qualche informazione sui Caffè letterari e sui Laboratori filosofici…. non mancate!

Ecco il documento Per un manifesto dei Gruppi di lettura italiani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...